articoli In evidenza

Ci Si Vede in Rete… da lunedì 1 febbraio 2021

L’improvvisa interruzione delle attività ordinarie nella gran parte dei settori economico – produttivi ma, soprattutto, per quanto riguarda il non profit, rivela le doti creative capaci di trasferire on-line il senso stesso del lavoro. La discontinuità delle agende diventa la spinta per un atto imprevedibile, quasi dirompente, se non fosse per l’uso di tecnologie e spazi che ci stavano solo aspettando: webinar, dirette video, il digitale insomma.

Il CSV di Vicenza non intende lasciare orfano di informazioni e stimoli il sistema di associati, volontari e cittadini della nostra comunità e non solo, di cui è riferimento. Per questo motivo, vista la necessità di mantenere le relazioni e, al contempo, offrire un servizio di aggiornamento e sviluppo delle conoscenze ha ideato questa nuova rubrica on-line: “Ci Si Vede in Rete”. Anche la dimensione on-line può generare legami, dimostrando la nostra capacità di adattamento e trasformazione, al mutare del contesto.

L’idea di fondo è quella di creare un programma di appuntamenti, brevi, piacevoli e di senso per incontrare il pubblico on-line tramite due format con due diversi obiettivi:

  • attivare un confronto su questioni dirimenti per il settore, in questa epoca di grandi svolte. (focus scientifico)
  • raccontare storie/vite del mondo del non profit. (narrazione storie)

 

Focus scientifico e narrazione

Si tratteranno tematiche di attualità che possono interessare sia il non profit che il profit, legate agli obiettivi dell’Agenda 2030 e ai temi di attualità connessi all’emergenza sanitaria, economica e sociale che stiamo vivendo a livello provinciale, regionale e nazionale, con uno sguardo anche al contesto europeo e internazionale.
Sarà invitato un ospite per ragionare su questioni cruciali per il non profit, in epoca di pandemia, ma soprattutto nel periodo post emergenza.
Si porteranno alla luce anche storie di non profit, narrazioni di vita reale che hanno un impatto notevole e sincero in tempi di pandemia.
Si tratta di volontari che dedicano spazi di vita propria per compiere azioni di bene. Piccole cose, ma decisamente significative per molte esistenze.
Attraverso lo storytelling si ritrova l’esperienza umana rappresentata in varie forme che connettono pensiero e cultura e stimolano significati più profondi nella ricerca valoriale di un impegno costante e silenzioso di persone che scelgono di donare tempo e esperienza agli altri, senza nessuna esclusione.

Ogni intervento avrà una durata massima di 30 minuti e sarà in diretta Facebook: entro questo tempo, si ricomprende l’intervento-relazione dell’ospite + la sezione delle domande in diretta.

Il CSV provvederà alla selezione dei temi e relativi ospiti da invitare.
In accordo con il CSV gli incontri on-line saranno moderati dal Direttore Maria Rita Dal Molin e dalla Giornalista Margherita Grotto.
Sarà creato un gruppo chiuso in Facebook per ricollocare le domande e le risposte che non avranno trovato spazio nelle dirette, oltre alla possibilità di caricare materiale utile al pubblico e creare così una community come cantiere di lavoro.

 

Un ricco programma

Si presenta con un nome che è anche un gioco di parole scelto per identificare la rubrica che da febbraio a giugno 2021, due volte al mese, dalle 18.30 alle 19.10 circa, si terrà in diretta sulla pagina Facebook e sul canale YouTube del CSV di Vicenza attraverso la piattaforma Streamyard.

Un calendario ricco di appuntamenti con i seguenti ospiti e tematiche: si inizia lunedì 1 febbraio parlando di istruzione con Lara Bisin, delegata scuola di Confindustria Vicenza, e Davide Travaglini, responsabile sensibilizzazione per l’Associazione Non Dalla Guerra, per proseguire lunedì 15 febbraio studiando la statistica dei bisogni emersi durante il lockdown, grazie allo studio portato avanti da Italia non profit e ce ne parlerà Mara Moioli Co Founder di Italia non profit e Lorella Molteni Sociologa. Lunedì 1 marzo sarà la “terra” la protagonista, in tutte le sue accezioni. Se ne parlerà con Elisa Scalchi di Coldiretti Vicenza e Cristina Faggionato, presidente dell’Associazione Il Fagiolo Magico. Dalla terra alla tavola: lunedì 15 marzo Francesco Scabbio, titolare di Bamburger, e Paolo Polazzo, Presidente di ANMIC e responsabile di Polazzo Grandimpianti s.r.l., che ci accompagneranno nel mondo dell’alimentazione.

Aprile si apre con un focus sulla cultura e sulle nuove forme di inclusione, sia digitali che sociali, assieme a Sergio Meggiolan de “La Piccionaia” e Nicola Noro, LIS Performer, per passare poi a giovedì 15 aprile e alla tematica “costruire storie per valorizzare realtà associative e attirare benefici” con i contributi di Matteo Adamoli, Docente di Pedagogia e Digital Storytelling, e Carola Carazzone, segretaria generale di Assifero. Di coprogettazione e coprogrammazione con gli enti pubblici se ne parlerà lunedì 3 marzo assieme all’Avvocato Davide Cester e al Docente di diritto del Terzo settore, Luca Gori, mentre il 17 maggio Roger Bergonzoli, Direttore della Fondazione Santa Rita da Cascia, e Valeria Vitali, fondatrice di Rete del Dono, aiuteranno a comprendere il mondo del crowdfunding e delle tipologie di raccolta fondi per le associazioni. Ultimi due appuntamenti, rispettivamente il primo giugno, per focalizzarsi sulla digitalizzazione delle associazioni, con Emma Togni, Marketing Manager di TechSoup, e Stefano Tabò, Presidente di CSVnet, e il 15 giugno, per raccontare i progetti tra il CSV di Vicenza e l’Azienda Rigoni di Asiago, con i Presidenti Mario Palano e Andrea Rigoni.

Potrebbe piacerti...